GAUDETE! 2021

VI INVITA AL CONCERTO STRAORDINARIO

 

 

IL MANDOLINO DI BEETHOVEN

 

MARCO CROSETTO, fortepiano

RAFFAELE LA RAGIONE, mandolino

 

9 ottobre 2021   

CHIESA DI SAN GIORGIO

 

LOZZOLO (VC) ORE 21:00

 

In collaborazione con il COMUNE di LOZZOLO e LOXOLENSIS, COMITATO PER LA SALVAGUARDIA, IL RECUPERO E LA PROMOZIONE DELLA CULTURA E DEI BENI CULTURALI DI LOZZOLO (VC)

IL MANDOLINO DI BEETHOVEN

 

 

Ludwig van Beethoven

Bonn, 1770 – Vienna, 1827

 

Adagio ma non troppo in Mib maggiore

Sonatina in Do maggiore

Sonatina in Do minore

Andante con variazioni in re maggiore

per Mandolino e Cembalo

[1796]

 

Bartolomeo Bortolazzi

Toscolano Maderno, 1773 – Paraiba do Sul, 1846

 

Sonata in Re maggiore op.9

per Pianoforte con accompagnamento di Mandolino

[1804]

 

Giovanni Paisiello

Taranto, 9 maggio 1740 – Napoli, 5 giugno 1816

 

Capriccio per Cembalo o Pian-forte e Violino (Mandolino)

 

Johann Nepomuk Hummel

Bratislava, 1778 - Weimar, 1837

 

Grande Sonata

 

per il Clavicembalo o Piano Forte con accompagnamento di Mandolino obbligato

 

Marco Crosetto, fortepiano

 

 

 

Ha studiato al Conservatorio di Torino, la sua città natale, pianoforte con Claudio Voghera; composizione, con Silvana Di Lotti e Alessandro Ruo Rui; clavicembalo, con Giorgio Tabacco. Ha perfezionato i suoi studi al CRR di Parigi, diplomandosi in Chef de chant per l’opera barocca con Stéphane Fuget e in clavicembalo con Noëlle Spieth e Béatrice Martin. Si è esibito, come solista e in formazione da camera, nei festival più prestigiosi del panorama europeo: il Festival di Ambronay, MA Festival di Bruges, Utrecht Oude Musik Festival, Monteverdi Festival di Cremona, MiTo Settembre Musica di Torino e Milano. Ha una collaborazione attiva con tutti i gruppi barocchi di Torino e la Pietà dei Turchini di Napoli. È co-fondatore de La Vaghezza, ensemble barocco, con cui ha vinto il I premio all’Haendel Göttingen Competition nel 2018. Tra i riconoscimenti ricevuti, segnaliamo il III premio al Concorso Internazionale di Clavicembalo Paola Bernardi di Bologna, nel 2015 e nel 2019; nel 2017, in duo con Mayah Kadish, il I premio al Concorso Internazionale Selifa. È stato semifinalista al concorso a Bruges nel 2018. Dal 2017, è accompagnatore al clavicembalo nei DMA dei Conservatori di Musica di Torino, Cuneo e Novara.

 

Raffaele La Ragione, mandolino

 

 

 

Nato a Napoli nel 1986, intraprende lo studio del mandolino nella sua città per poi proseguire gli studi tra Padova e Milano con Ugo Orlandi, con il quale si diploma e con il quale ha condiviso numerose incisioni discografiche e pubblicazioni musicologiche. Da sempre interessato alla ricerca ed al repertorio storico del mandolino, ha conseguito una laurea all’Università di Bologna con una tesi dedicata alla dinastia napoletana dei Calace e cura le edizioni musicali della casa editrice NapoliNovecento. Ha effettuato concerti in tutta Italia, Europa ed Asia, collaborando con I Solisti Veneti, Orchestra Mozart, Seoul Philarmonic Orchestra, OSI - Orchestra della Svizzera Italiana, Silete Venti!, Greek National Opera, Motus Mandolin Quartet e direttori come Claudio Scimone, Claudio Abbado, Myung-Whun Chung, Arturo Tamayo. Ha effettuato numerose registrazioni radiofoniche e televisive (Radio3, RSI, Rai1, Rai2) oltre a cd e dvd (Outhere Music, Brilliant, Ermitage, Mondadori, Warner Classics). Attento anche alla musica leggera, fa parte dell’Orchestra Italiana di Renzo Arbore.

SOSTIENI LA CULTURA                                  Scegli di destinare il tuo                              2 x 1000                                                          all'ASSOCIAZIONE TRIACAMUSICALE              che promuove il festival internazionale di musica antica GAUDETE!                  Codice Fiscale   01837230026                                                                                          Sarà  possibile tesserarsi contattando l'Organizzazione via mail all'indirizzo info@gaudetefestival.com oppure con un sms, whatsapp o una chiamata al numero 348 8209119

GAUDETE! 2020

MISERERE: DAL CORDOGLIO ALLA LUCE              Triacamusicale e Cantores Mundi                                    tornano a Grignasco e Oleggio                                        il 25 e il 26 settembre

Prenotate la vostra partecipazione telefonando ai seguenti numeri            348 8209119  o  349 7903316

I posti sono limitati

Il Festival internazionale di musica antica “Gaudete!” riapre la stagione concertistica il 25 e il 26 settembre con Miserere, spettacolo che affronta il tema del cordoglio, preludendo alla rinascita - culturale, nel caso - che tutti auspichiamo.

A Grignasco e Oleggio saranno eseguite opere di vari compositori, tra i quali Johannes Ockeghem, Josquin Des Prez e Orlando di Lasso, tutti e tre figli delle Fiandre.

Questa loro comune origine stimola e concede una più ampia riflessione che, pur strappando righe alla introduzione delle esecuzioni, pare impellente condurre.

Quest’anno la terra fiamminga avrebbe dovuto ospitare, aprendosi a un incalcolabile numero di visitatori, una straordinaria mostra dedicata non a un musicista, bensì a un pittore: Jan Van Eyck. La mostra, intitolata “An optical revolution” (Una rivoluzione ottica), avrebbe aperto a Gand, dov’è custodita una tra le sue opere più celebri: il Polittico dell’Agnello Mistico.

Protagonista della pittura del maestro è indubbiamente la luce, una luce particolare che, pur facendo presa sulle emozioni, va oltre; imponente, assoluta, essa invita occhi e intelletto a indagare, scavare, contare e catalogare ogni cosa, è una luce reale che non mostra la fatica né il dolore delle pennellate, che non trema rivelando la verità del mondo.

Questo stile concreto, questa attenzione analitica e paziente, ci serve oggi da guida, metafora di una ragione che chiarisca, contrapponendosi al buio della schizofrenica, imperante paura; con essa noi possiamo, accolto il dovuto cordoglio, aprirci a una nuova, vitale stagione di normalità.

“Miserere mei, Deus”, “Pietà di me, o Dio”; così il Salmo il cui esordio dà il titolo ai concerti, tornando ora a essi. Ci si rivolge a Dio invocandolo: “Nel tuo amore fai grazia a Sion, rialza le mura di Gerusalemme”.

Si domanda all’onnipotente di agire oggi, per ricostruire il domani, forgiando un ponte rivolto al futuro, quasi a ricordare il nostro ruolo: custodire, conservare e, in ultimo, edificare per chi verrà.

La pittura, la musica, messe nell’angolo perché pericolose (le mostre sono affollamenti, i cori sono fonti di droplets, anglicismo traducibile in goccioline respiratorie) sono ciò per cui vale la pena di vivere, danno senso all’esistenza conferendo qualità ai giorni, creando relazioni e riflessioni.

Riprendiamoci dunque gli spazi della cultura, torniamo ad abitare questi eventi, con giudizio e con fiducia, perché senz’arte non c’è umanità e qualsiasi flagello, imponente o meno, a quel punto sarebbe stupido affrontare, perché ci troverebbe già morti.

 

Franco Pistono

GAUDETE! 2020

Poche decine di giorni or sono, nella speranza di poter proseguire normalmente il Festival, l’anno, la vita, inviavo il mio pensiero introduttivo all’ adorata amica Mara Colombo, direttore artistico di “Gaudete!”, con rinnovata gioia e rinvigorito entusiasmo, in uscita dalla passata, splendida stagione e pronto all’imminente.

In un istante quel primo editoriale ha perduto linfa, concretezza, attualità… ma non valore.

In armonia con Mara, lo ripropongo così com’era, perché se il presente ci è stato strappato dal caso, o dal caos, suo infido anagramma, non ci verrà strappato il futuro; e in quel futuro, di certo, ci sarà musica!

 

Ha cinquantacinquemila anni l’oggetto che si ritiene essere un frammento del più antico flauto d’osso rinvenuto dagli archeologi; e non stiamo parlando di un “banale” strumento percussivo, bensì di un artefatto nato per esprimere melodie definite, quante e quali non sappiamo, perché espulse dall’umana memoria ancor prima di giungervi, per via dell' inesistenza di supporti atti a conservarle.

Se non avessimo ritrovato quest'osso scavato e forato, non avremmo nemmeno notizia della pratica della musica nel Paleolitico: la scrittura infatti sarebbe stata inventata cinquantamila anni più tardi, cioè soli cinquemila anni fa.

Questa breve riflessione introduce la tredicesima edizione del Festival internazionale di musica antica “Gaudete!”… e il lettore si chiederà il perché.

Nulla di più lineare: il desiderio è di parlare di cultura della tradizione.

Tradizione deriva da tradere, cioè consegnare, trasmettere; e la musica, attività che interessa tutta l’umanità, è decisamente chiamata in causa, specie l’antica, tanto strutturata, preziosa e, fortunatamente, ricca di fonti.

Essa è madre della contemporanea e, in questa qualità, ha due doveri: primo tenersi desta, presente e accudente, secondo farsi maestra, non distante, ma prossima e dialogante.

La musica antica deve cioè vivere in armonia con la nuova, “in famiglia”, perché pur possedendo diversa forma, è sostanza dell’altra, e chi ascolta deve poter conoscere le ragioni di entrambe.

Così quest’anno “Gaudete!” propone momenti a loro dedicati, con concerti ed eventi di varia foggia.

Grazie alle nuove tecnologie, si sta sempre più consolidando un’intelligenza collettiva: tutto è interconnesso.

Per chi parla una lingua dotta le scelte sono dunque due: ritrarsi con sdegno o cogliere l’opportunità, inserendosi quale nuovo collegamento sinaptico in questo grande, diffuso sistema neuronale.

Al lettore dedurre la scelta operata.

Buon “Gaudete!” 2020.

 

“Gaudete!” non si ferma, non può per natura, poiché nella sua irruente impalpabilità la musica supera ogni asperità, valica ogni confine.

Il Festival internazionale di musica antica rimane vigile, pronto a risorgere nel tempo migliore, corretto, propizio.

Nell’attesa si sta organizzando, ristrutturandosi per donare comunque all’affezionato pubblico - e chissà, a nuovi amici - riflessioni e note che verranno messe a disposizione sul sito.

Giungerà la newsletter, come di consueto: per chi ancora non si fosse iscritto, quale momento migliore?

 

Franco Pistono

Gaudete! promuove e distribuisce il nuovo libro di Franco Pistono

Antica o moderna, sempre musica

Un’introduzione all’opera

 

Qual è il senso, per un Festival di musica antica come “Gaudete!”, di accostarsi all’ultimo lavoro di Franco Pistono, dedicato alla modernità? Quale il motivo di abbracciarlo, di “simbolicamente” patrocinarlo?

 

La risposta è che la musica antica (e lo stesso assunto vale per la lingua), con la sua storia e la sua complessità impossibile da apprendere “al primo sorso”, inevitabilmente è madre e maestra di quella contemporanea. Saper spiegare dal punto di vista musicale e linguistico le canzoni di oggi, renderle domestiche, significa servire la Musica in sé e la Poesia, a lei congiunta, incuriosendo il lettore/ascoltatore e accompagnandolo in una supponibile più ardita e articolata ricerca, a ritroso nel tempo, verso capolavori irrinunciabili e immortali.

Compito dell’arte, tanto immenso e gravoso quanto nobile e necessario, è sforzarsi di incontrare l’animo umano; per questo ritengo infruttuoso ragionare a compartimenti stagni, dividendo gli universi classico e moderno. 

 

Pur consci delle differenze, se vogliamo incuriosire e avvicinare, occorre dotare di strumenti quotidiani e comprensibili e ritengo che “Dentro la musica” assolva

egregiamente questo compito.

Fatte queste premesse, non è da sottovalutare altresì la gratuità del manoscritto,

non certo facile da concepire e, nella sua sintesi, corposo e profondo; anche questo

incontra l’intimo spirito dell’arte, che è farsi dono. 

 

Ancora un saggio su musica e lingua che della musica è sposa, dunque:

patrimoni a cui il Festival Gaudete! , che mi onoro di dirigere,

guarda con occhi innamorati e fedeli.

 

 

Buona lettura!

 

Mara Colombo

Direttore artistico del Festival internazionale 

di musica antica “Gaudete!”

 

Download
DENTRO LA MUSICA | Franco Pistono
Il nuovo libro di Franco Pistono, distribuito da Triacamusicale e Gaudete Festival!
[Scaricalo gratuitamente]
Pistono_dentrolamusica.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.1 MB

Visita le Gallerie Gaudete!

Visita tutte le Gallerie fotografiche delle undici edizioni del festival!
Fotografie di Roberto Sagliaschi e Maria Chiara Demagistri 

 

Le Gallerie fotografiche degli ultimi eventi sono on-line!

 

Seguici anche su...

Collegati ai canali Social del festival e lascia i tuoi commenti e suggerimenti 

Download
Scarica la locandina della XII Stagione 2019
Locandina_G19_pix.pdf
Documento Adobe Acrobat 5.0 MB